Perché il mal di stomaco?

/, Argomenti, Benessere, La digestione/Perché il mal di stomaco?

Perché il mal di stomaco?

COME FUNZIONA LO STOMACO? Andiamo a conoscerlo un po’ meglio. . .

 

Lo stomaco è un voluminoso organo cavo a forma di bisaccia elastica dell’apparato digerente.

Il cibo che ha già iniziato con la masticazione la prima fase della digestione passa nell’esofago e raggiunge, attraverso la valvola del cardias, lo stomaco. Qui viene immagazzinato, rimescolato e ulteriormente digerito trasformandosi in una massa semi liquida, il chimo, che prosegue il suo viaggio nell’intestino tenue.

 

 

La funzione dello stomaco è quindi quella di immagazzinare, digerire (soprattutto la componente proteica e lipidica) e sterilizzare il cibo per trasferirlo, trasformato in chimo, all’intestino.

 

Tutto questo è possibile grazie alla struttura elastica, ricca di numerosissime pieghette interne (pliche) e alla presenza di più di 35 milioni di ghiandole che lo rivestono internamente!

 

Queste ghiandole producono il succo gastrico: un liquido giallastro viscoso e estremamente acido costituito da una miscela di secrezioni ghiandolari. Tra queste la pepsina è responsabile della digestione delle proteine, le lipasi gastriche dei grassi e l’acido cloridrico oltre a collaborare nella digestione proteica serve anche a eliminare possibili ospiti indesiderati assunti con il cibo, i batteri, ed è fondamentale per l’assorbimento della vitamina B12 (vedi articolo che uscirà a breve sul Fattore Intrinseco)

I succhi gastrici sono estremamente acidi!!! Possono corrodere praticamente qualsiasi materiale grazie al loro bassissimo valore di pH. Pensate che durante l’attività secernente il pH dello stomaco può raggiungere il valore di 1!

   . . . MA COME FA ALLORA LO STOMACO NORMALMENTE A PROTEGGERSI?

Per molti anni gli scienziati si chiedevano come lo stomaco potesse proteggersi dall’effetto tanto corrosivo dei succhi gastrici prodotti al suo interno, capaci di lasciare tracce indelebili anche su superfici molto resistenti quali il marmo.

Solo recentemente si sono compresi i meccanismi difensivi che, qualora alterati, sono anche alla base di molti disturbi come la gastrite e l’ulcera gastroduodenale.

Lo stomaco si protegge dai suoi stessi acidi grazie ad un rivestimento interno, detto barriera mucosa-gastrica. Questa è costituita da uno strato mucoso formato da goccioline di mucoproteine molto viscose e da bicarbonato, prodotti entrambi delle cellule superficiali dello stomaco. L’insieme di muco e bicarbonato crea una barriera che protegge dall’attacco degli acidi in quanto modifica il pH. Questo infatti è bassissimo, intorno ai valori di 1.5-2, nel lume dello stomaco (in verde nell’immagine sottostante)  mentre grazie all’effetto del muco e del bicarbonato raggiunge il valore di circa 7.0 in prossimità del gel viscoso (in azzurro nella figura), cioè praticamente il valore fisiologico.

 

In condizioni di salute le cellule dell’epitelio gastrico (in rosa nella figura) rimangono così protette dell’erosione degli acidi dello stomaco.

 

Infatti, il benessere e il corretto funzionamento del nostro stomaco dipendono proprio dalla capacità dell’organismo di mantenere integra questa protezione mucosa.

 

Può capitare però che questa barriera subisca delle alterazioni più o meno importanti a causa di diversi possibili motivi esterni (ambientali) o interni. Questo determina l’attivazione di processi infiammatori che si manifestano nel fisico come bruciore, gastrite, ulcera, dispesia ….

 

 

Se soffri di alcuni di questi disturbi c’è però una buona notizia. Vorrei infatti che sapessi che puoi fare davvero molto per affrontare e soprattutto per migliorare queste condizioni così fastidiose e anche così dolorose!

Seguimi, nel prossimo articolo parleremo proprio delle cause della gastrite e dei bruciori gastrici e di come migliorare questi sintomi attraverso l’alimentazione adeguata e lo stile di vita.

Se stai Bene tu, sta Bene anche il tuo stomaco!

A presto

About the Author:

Leave A Comment